CONDOMINIO

Amministratore condominiale nominato con delibera invalida

In tema di condominio negli edifici, nei casi di revoca o annullamento di una delibera invalida di nomina dell’amministratore, e quindi tanto più ove ancora non sia stata pronunciata una sentenza dichiarativa dell’invalidità della medesima delibera, lo stesso amministratore continua comunque ad esercitare di diritto, fino all’avvenuta sostituzione, i poteri di rappresentanza, anche processuale, del condominio (Cass. Civ. Sent. n. 35979 del 27.12.2023).

Tale interpretazione trova fondamento nella presunzione di conformità alla volontà dei condomini e nell’interesse del condominio alla continuità delle funzioni gestorie dell’amministratore, e rende quindi irrilevante la questione dell’esatta natura della delibera presa dall’assemblea in violazione del divieto posto dall’art. 1129 c.c., comma 13, introdotto dalla L. n. 220 del 2012 (nulla ovvero annullabile), in quanto l’amministratore di condominio, che pur si assuma nominato con delibera invalida, finché non sostituito, può validamente continuare a svolgere le proprie funzioni nelle quali è ricompresa anche quella di conferire mandato ad un difensore al fine di costituirsi in un giudizio instaurato da terzi nell’interesse del condominio (cfr. Cass. Sez. 2, 30/10/2012, n. 18660; Cass. Sez. 2, 23/01/2007, n. 1405; Cass. Sez. 2, 27/03/2003, n. 4531).

Tale interpretazione si uniforma a quanto affermato in giurisprudenza sul fondamento dell’art. 2385 c.c., per le società di capitali, con riguardo alle quali viene affermato che la parte, la quale eccepisce la nullità della procura alle liti rilasciata da un amministratore la cui nomina fosse invalida, ha l’onere di provare non solo che tale nomina era stata già annullata prima del conferimento della procura alle liti, ma anche che quell’amministratore aveva a tale data conseguentemente già perduto la rappresentanza della società in forza dell’avvenuta sostituzione con altro amministratore.

______________

Se ti è piaciuto l’articolo ti consiglio di visitare anche questa pagina del sito.

Condividi l'articolo su: