I segreti del Superbonus 110%

Ho voluto appositamente intitolare questo articolo “i segreti del superbonus 110%” in quanto ti dirò in pillole tutto quello che devi sapere su questo bonus edilizio.


Quali soggetti sono ammessi al Superbonus 110%??

a) persone fisiche:

1) chi ha la nuda proprietà e/o piena proprietà oppure un diritto di usufrutto – diritto di uso e/o un diritto di abitazione sopra un immobile (compresi i familiari conviventi)

2) il conduttore in un contratto di locazione e/o il comodatario in un contratto di comodato (compresi i tuoi familiari conviventi)

3) il promissario acquirente qualora abbia sottoscritto un preliminare di compravendita e sia stato registrato,

b) Cittadini italiani residenti all’estero (iscritti AIRE) che hanno immobili di proprieta’ in Italia facenti parte di un condominio > il singolo condomino avrà diritto alla detrazione del 110% per la parte delle spese relative ai millesimi di sua proprietà.

b) Condominio

1) condominio classico (piu’ di 4 proprietari)

2) condominio minimo (2 proprietari e non piu’ di 4 proprietari)

3) condominio residenziale (quando gli immobili ad uso residenziale sono piu’ del 50%) – le singole unità immobiliari residenziali accedono sempre e senza limitazioni al Superbonus 110%.

4) condominio non residenziale (quando gli immobili ad uso residenziale sono meno del 50%) – ammessa la detrazione del 110% solo per le spese realizzate sulle parti comuni da parte dei proprietari/detentori di unità immobiliari destinate ad abitazione e nessuna possibilità di fruizione del Superbonus 110% per le unità immobiliari non residenziali.

c) supercondominio, così come qualificato dalla legge n. 220/2012 quale insieme di complessi condominiali:

1) l’accesso al Superbonus 110% è ammessa anche per singoli condomìni e non necessariamente dal supercondominio nella sua interezza.

d) Villette unifamiliari e relative pertinenze

e) Villette a schiera (funzionalmente indipendenti)

f) immobile composto di quattro unità immobiliari di un unico proprietario (ad esempio due unità A/2, un C/6 e un C/7, oppure una unità A/3 e tre pertinenze)


ESCLUSIONE DAL SUPERBONUS 110%

Immobili di nuova costruzione con categoria catastale F/3.

Immobili con categoria catastale A1 > A8 > A9


QUALI LAVORI RIENTRANO NEL SUPERBONUS 110%??

A) interventi di Riqualificazione Energetica – interventi che devono, complessivamente, comportare un miglioramento di almeno due classi energetiche dell’immobile:

1) lavori trainati – sostituzione infissi, schermature solari – installazione di impianti solari fotovoltaici – le infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici; gli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche,

2) lavori trainanti – isolamento termico dell’involucro dell’edificio che riguardi almeno il 25% della superficie opaca complessiva – la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni e sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti; l’intervento antisismico.


COME SI BENEFICIA DELLA DETRAZIONE

1) Cessione di credito – prevede la possibilità di cedere il proprio credito (nel caso di specie, l’ammontare della detrazione) ad altri soggetti – a decorrere dal 17.02.2022 la cessione del credito può avvenire una volta sola (salvo future modifiche dell’attuale decreto sostegni ter),

2) Sconto in fattura – contributo anticipato sotto forma di sconto effettuato dal fornitore dei beni al momento dell’acquisto dei materiali o dell’esecuzione dei lavori.

La maxi-detrazione è condizionata dall’ottenimento di un «visto di conformità», rilasciato da commercialisti, ragionieri, periti commerciali, consulenti del lavoro, nonché́ dai CAF.

La presenza di eventuali abusi non preclude la possibilita’ di accedere a questo bonus edilizio!!!


Ecco in pillole i segreti del superbonus 110% > Ti consiglio di leggere anche quest’altro interessante articolo sempre sul tema.

Compila il form contatti per assicurarti una consulenza specifica ed affrontare serenamente tutta l’operazione > risposta entro massimo 24 ore.

Condividi l'articolo su: